ECOOLER: L’ESCLUSIVO ED ECOLOGICO DRY COOLER DI REFRION

La gamma di apparecchi ventilati Ecooler della linea Dry Cooler è l’innovativa ed ecologica soluzione Refrion per rispondere alla domanda sempre più crescente di applicazioni “free cooling”. La gamma degli Ecooler ottimizza i benefici derivanti dalla saturazione adiabatica dell’aria implementando un sistema di ricircolo dell’acqua e ventilatori di grande diametro a commutazione elettronica.
Il consumo d’acqua, così come l’assorbimento elettrico, sono dunque minimizzati: questo si traduce in una massimizzazione del C.O.P. e nella possibilità di utilizzare il “free cooling” a tutto il corso dell’anno.
Il telaio è progettato per essere stabile e resistente; gli ingombri massimi sono stati studiati per adattarsi ai comuni mezzi di trasporto via terra.
La carenatura è costruita in lamiera di acciaio zincato a caldo (DX51D-Z200MC secondo EN 10346).
L’interno dell’unità è completamente accessibile per la manutenzione tramite porta di servizio protetta da sensore di sicurezza. In caso di apertura della porta l’alimentazione elettrica viene completamente scollegata e l’accesso all’interno dell’unità è reso possibile solo dopo che la rotazione dei ventilatori è stata completamente arrestata.
Tutte le operazioni necessarie alla produzione dei componenti sono eseguite prima della verniciatura garantendo la massima protezione dell’acciaio contro la corrosione.
La verniciatura epossidica a polveri (colore standard: RAL 9002) è adatta ad ambienti atmosferici identificabili ad una classe di corrosività atmosferica C3 media (secondo EN 12944-2).
Gli scambiatori di calore a pacco alettato sono montati in parallelo sull’asse longitudinale dell’unità e sono protetti, nel lato non alimentato (curvette), da un pannello di sicurezza fissato alla struttura.
Gli elementi di fissaggio sono tutti in acciaio inossidabile (AISI 304, disponibile su richiesta: AISI 316).

Come funziona:

I pannelli adiabatici PADS, posti davanti agli scambiatori di calore a monte del flusso d’aria, sono uniformemente bagnati attraverso un sistema di distribuzione con recupero d’acqua. L’aria, attraversando i pannelli, viene umidificata e raffreddata con valori che cambiano a seconda delle condizioni di esercizio, mentre il consumo d’acqua è limitato alla sola acqua evaporata.
Ciò comporta un risparmi di acqua fino al 90% rispetto al consumo di prodotti come le torri evaporative.

Caratteristiche:

  • Sistema auto drenante: nessun rischio di stagnazione dell’acqua. tutta l’acqua viene drenata ogni 24 ore.
  • Il Sistema previene la proliferazione della legionella eliminando la presenza di gocciole nel flusso d’aria.
  • Facilità di manutenzione grazie al complete accesso all’interno della macchina; tutti I component del Sistema idraulico sono ispezionabili.

Componenti

1. Ventilatori EC fans Ø 1250mm
2. Quadro elettrico generale
3. Filtri dell’acqua
4. Elettrovalvola di alimentazione
5. Elettrovalvola di scarico
Descrizione tecnica dei componenti esterni dell’Ecooler, l’esclusivo Dry Cooler di Refrion

Sistema di ricircolo

6. Tubazioni di distribuzione
7. Pompa di ricircolo
8. Troppo pieno
9. Scarico
10. Reintegro
11. Gocciolatoio autodrenante
12. Vasca di raccolta
13. Scambiatore di calore
14. Reti di protezione
15. Separatore di goccia
16. Pannelli di raffreddamento
17. Distributore ispezionabile
Descrizione tecnica della struttura interni dell’Ecooler, l’esclusivo Dry Cooler di Refrion

Teoria Della Saturazione Adiabatica

  • La temperatura di saturazione adiabatica è una proprietà termodinamica dell'aria umida. Essa corrisponde alla temperatura raggiungibile dall’aria nel caso in cui si giunga alle condizioni di saturazione attraverso una trasformazione adiabatica. Essa è determinata tramite un apparecchio detto "saturatore adiabatico", che satura una massa di aria umida senza scambi di calore con l'esterno. Il saturatore è costituito da un corpo scatolare opportunamente coibentato, all'interno del quale l'aria immessa è umidificata tramite nebulizzazione di acqua. Nel nostro caso il corpo scatolare è costituito dai pannelli PADS.
  • La temperatura misurata all'uscita dell'apparecchio è la “temperatura di saturazione adiabatica“: questa risulta inferiore a quella iniziale poiché l'acqua che evapora sottrae calore; essa è tuttavia superiore alla temperatura di rugiada, in quanto la stessa evaporazione innalza la pressione parziale del vapore acqueo.
Diagramma dei vantaggi della proprietà della saturazione adiabatica applicata ai Dry Cooler

Calcolo della temperatura della saturazione adiabatica:

Esiste una formula termodinamica di non facile applicazione per determinare la temperatura di saturazione adiabatica e calcolare quindi il differenziale rispetto alla temperatura dell’aria in ingresso nel sistema.
Per questo si ricorre spesso all'utilizzo di psicrometri, tramite i quali si perviene alla determinazione della temperatura di bulbo bagnato. Questa, a pressione atmosferica e per miscele di aria secca e vapore d'acqua, può essere considerata approssimativamente pari alla temperatura di saturazione adiabatica.
La corrispondenza tra temperatura di saturazione adiabatica e la temperatura di bulbo umido è valida solo nel caso di sistemi acqua-aria come quello in oggetto.


Diagramma Psicrometrico di Carrier a p=1,013bar:
Diagramma Psicometrico di Carrier a p=1,013bar applicato all’Ecooler

ESEMPIO

Condizioni Aria Ambiente: TAMB = 32,0°C Umidità relativa R.H. = 50%
Condizioni Aria di Calcolo: TCALC = 24,6°C Umidità relativa R.H. = 92%

La saturazione adiabatica resa possibile dal Sistema Adiabatico industriale permette di ottenere un incremento dell’umidità relativa del 42% (∆R.H. = 42%) ed un valore massimo del 92% (R.H.= 92%).

REFRION S.r.l. Vicolo Malvis, 1 - 33030 Flumignano di Talmassons (UD) - P.IVA 03094850231

DRY COOLER | GAMMA DRY COOLER